Torna alla ribalta una bella iniziativa, quella dei muri della gentilezza: Lasciare un cappotto o un abito caldo per chi ne ha più bisogno, è un gesto semplice ma che può fare la differenza!

Si chiamano “walls of kindness”, apparsi per la prima volta in Iran nel 2015, sono quei luoghi in città dove è possibile procurarsi, o al contrario lasciare in dono, giacche, sciarpe, cappelli, maglioni e quant’altro possa servire per i più bisognoso.
In un paese come la Svezia, dove le temperature scendono sotto lo 0, iniziative come queste possono fare la differenza tra la vita e la morte delle persone che vivono in strada.

Recentemente a Uppsala è apparso un nuovo muro della gentilezza dove in lingua locale si legge: “Prendi un cappotto se hai freddo. Lascia un cappotto se non lo usi più”.

L’iniziativa è stata voluta da un’agenzia immobiliare del centro della città che ha allestito in strada un cubo con un attaccapanni, un modo per farsi pubblicità aiutando i bisognosi.

Le pubblicità che ci piacciono!