Leonardo DiCaprio scommette su Hippeas, una startup di un italiano, produttrice di snack vegani

Leonardo DiCaprio ha appena investito su Hippeas, una startup americana fondata da un imprenditore di origini italiane.

Hippeas è una società fondata nel 2015 da Livio Bisterzo, imprenditore romano che si è trasferito, prima a Londra per studiare e poi, in California, dove ha lanciato la sua idea di un mercato sostenibile di food e drink, con l’obiettivo ambizioso di contribuire al cambiamento dell’industria alimentare, cercando di promuovere un business che abbia un impatto sul sociale e che possa innescare un cambiamento culturale.

Dimostrazione ne è il fatto che Hippeas sostiene Farm Africa, un’organizzazione non governativa che lotta contro la povertà data dai cambiamenti climatici.

Hippeas

La startup, che ha una sede a Londra e una a Los Angeles, fa parte di Green Park Holding nata sull’idea basata sulla produzione dal basso, il rispetto della natura e di chi lavora.

Hippeas

Negli ultimi sei anni il premio Oscar, Leonardo DiCaprio, ha deciso di impegnare un po’ del suo capitale in finanziamenti a startup di tutto il mondo che hanno come obiettivo la salvaguardia del Pianeta.

La prima è stata l’israeliana Mobil, piattaforma per condividere in tempo reale foto e video; tre anni dopo, l’attore ha finanziato la californiana Cue, che opera nel settore delle biotecnologie.

Nel 2015 investe in Zuli, startup di San Francisco che regola l’impianto elettrico di casa in base a chi la abita; nell’e-commerce newyorkese Casper; in Rubicon, leader mondiale nel riciclo dei rifiuti; e infine in Diamond Foundry, startup di San Francisco che crea diamanti a zero impatto ambientale.

Nell’anno successivo, Leonardo DiCaprio ha finanziato altre due startup: Runa Tea, startup creata per preservare la foresta dell’Amazzonia e supportare l’agricoltura smart e locale, e Qloo, che si occupa di intelligenza artificiale.

L’attore statunitense, nel 2017 oltre a finanziare Love the Wild, una startup del food la cui mission è la preservazione degli Oceani e delle loro ricerche ittiche, ha deciso di credere nel progetto di Livio Bisterzo e nei suoi snack vegani a base di ceci.