Italia: arriva lo stop dei cotton fioc di plastica

0
640
cotton fioc

Vittoria contro il marine litter: Italia, prima al mondo a dire stop ai cotton fioc non biodegradabili

I cotton fioc di plastica rappresentano circa il 91% dei rifiuti trovati sulle spiagge Italiane e sono quindi uno dei principali responsabili del marine litter, l’inquinamento marino che colpisce gran parte di mari e oceani.

Per fortuna c’è un passo in avanti contro questo fenomeno, un’ottima notizia per il mondo ambientalista: dal primo Gennaio 2019 in Italia scatterà il divieto di commercializzare e fabbricare cotton fioc di plastica non biodegradabili  e dal primo Gennaio 2020, il divieto verrà esteso ai prodotti cosmetici da risciacquo ad azione esfoliante o detergente contenenti microplastiche.

Saranno quindi stanziati 250mila euro per favorirne la promozione, la produzione e la negoziazione.

Sulle confezioni, inoltre, bisognerà indicare informazioni chiare sullo smaltimento regolare dei bastoncini, riportando in maniera esplicita il divieto di gettarli nei servizi igienici e negli scarichi.

«L’Italia è il primo Paese al mondo a farlo: una vittoria contro il marine litter, a tutela di ambiente e cittadini» afferma Ermete Realacci, il presidente della Commissione Ambiente della Camera che ha firmato questo emendamento.

La notizia potrà rassicurare gli italiani che, secondo un’indagine Eurobarometro, sono tra i più preoccupati d’Europa per l’inquinamento dell’aria che respirano e i meno fiduciosi nei confronti delle istituzioni.

Per l’Onu, sono 8 milioni le tonnellate di plastica che ogni anno finiscono nelle acque del pianeta contribuendo all’inquinamento marino poiché, non solo inquina mari e oceani arrivando fin sulle spiagge delle coste di tutto il mondo, ma causa anche la morte di pesci, mammiferi marini, tartarughe.

Infatti, a differenza di altri tipi di rifiuti, la plastica con l’azione del vento, dell’acqua e del sole, si riduce in piccolissimi frammenti che vengono ingoiati da pesci e animali marini.

Nonostante la bella notizia non dobbiamo aspettare il 2019 per ridurre l’inquinamento marino ma impegnarci già da subito a non buttare i cotton fioc nei servizi igienici e fare attenzione al riciclo e allo smaltimento dei cosmetici vecchi o scaduti.