Si chiama Inkosi Theresa Kachindamoto ed è la leader di una tribù del distretto di Dedza, in Malawi, una comunità di oltre 900 mila persone e in tale veste si è impegnata tenacemente per sconfiggere il fenomeno delle spose bambine

Si stima infatti che in Malawi, una bambina su due, ancor prima di aver compiuto i 18 anni, è promessa sposa dai genitori.

Il suo modo di agire è sicuramente controcorrente, secondo Human Rights Watch il 40% delle bambine dell’Africa subsahariana è costretta a sposarsi a 15 anni e a volte anche prima. Il motivo principale di queste unioni è la povertà, i genitori della futura sposa bambina ricevono soldi dalla famiglia dello sposo, una pratica che ricordiamolo, non esiste solo in Africa ma anche nei paesi asiatici.

Sposandoci noi ragazze dobbiamo per forza lasciare la scuola per rimanere a casa ad accudire marito e figli. Ho provato sulla mia pelle le conseguenze di un’unione in giovane età. Molte mogli vengono anche picchiate se non rispettano le regole familiari”. ha raccontato Bernadette Matison, una delle tante vittime di questa “tradizione”

Di nobili origini, Inkosi Theresa Kachindamoto faceva la segretaria un college a Zomba, in un’altra regione del Paese. Richiamata dalla famiglia a guidare la sua tribù, la donna si è da subito adoperata per debellare questa piaga così diffusa nelle diverse tribù del Malawi. Appena arrivata,  rimase turbata dalla vista di bambine sposate con uomini adulti. Allo shock fece subito seguire i fatti, impegnandosi attivamente a convincere la sua tribù ad abbandonare questa pratica, per porre così fine ai maltrattamenti e incoraggiare i ragazzi a tornare a scuola.

I bambini non devono sposarsi prima del tempo, devono dare a scuola. Il loro compito non è fare le faccende domestiche o accudire i figli ma studiare perché solo l’istruzione può garantire loro un futuro” dice Inkosi.

L’impegno di Inkosi è stato molto criticato dalle altre comunità e dai leader tribali, ma nonostante ciò l’anziana donna non si è fermata, arrivando perfino a destituire chi favorisce i matrimoni tra bambini e adulti.

Ad oggi, Inkosi è riuscita ad annullare più di 800 matrimoni salvando così 500 bambine e 300 bambini e dando loro la possibilità di tornare tra i banchi di scuola.

“Per combattere la povertà dico ai genitori: se fate studiare le vostre figlie avrete un futuro migliore”.