Maria, una bambina di dodici anni di Casal di Principe, scrive al suo Sindaco affinché nasca una biblioteca nella sua città. Dopo due anni il suo sogno è realtà.

Due anni fa dalla scuola Dante Alighieri erano arrivate delle lettere al Sindaco. Una maestra di italiano aveva assegnato un compito particolare, quello di scrivere ad una persona importante cosa avrebbe potuto migliorare la città.

Tra le tante proposte, una bambina ha colpito il Sindaco. E’ Maria Zagaria, una ragazzina di dodici anni che chiedeva per la sua città una biblioteca.

Scriveva infatti: “Sindaco io vorrei una biblioteca, un posto dove confrontarmi e studiare coi miei amici, dove posso ritrovarmi coi miei compaesani. Ma soprattutto un posto dove posso coltivare la mia passione più grande: la lettura.”

Quelle parole non rimasero inascoltate e, ad un’iniziativa del Comune per un bene confiscato con esponenti del comune di Solesino, il Sindaco raccontò l’accaduto.

La macchina della solidarietà non tardò a mettersi in moto e in poco tempo quel comune della città di Padova fece sapere che avrebbe donato 1300 libri per sostenere la causa di Maria.

Tantissimi da tutta Italia si sono subito uniti nel donare libri per bambini, romanzi e testi universitari.

I concittadini di Maria hanno comprato scaffali, preso pittura, imbiancato le pareti, decorato la sala e raccolto altri libri e in breve tempo è nata la biblioteca nella sala consiliare del comune.

Il luogo non è casuale, dichiara il primo cittadino, perché quelle stanze, commissariate tre volte per infiltrazione camorristica passeranno ora da “un luogo del potere, e di un potere spesso malato al luogo della cultura, dell’incontro e dei ragazzi.”

Il prossimo 30 novembre Erri De Luca sarà alla biblioteca, il 15 dicembre verrà Giovanni Floris e ci sono accordi con Pif e Donato Carrisi. Sono nati inoltre tanti incontri con scrittori emergenti, cineforum e dibattiti.

Riempie il cuore di gioia poter raccontare questa storia di rinascita e solidarietà e scrivere in positivo di un paese che troppo spesso è menzionato solo per la camorra e le lotte tra i clan.

Fb: La Biblioteca il Grillo Parlante